Portale della Città di Acerra

TARI (Tassa sui rifiuti)


Regole di calcolo della tariffa

Il Comune di Acerra – ai fini della Determinazione della Ta.Ri. – ha opzionato il metodo di " TARIFFAZIONE MONOMIA " di cui all’art.1, comma 652, della Legge n. 147/2013, commisurando la tariffa alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia delle attività svolte nonchè al costo del servizio sui rifiuti, continuando ad applicare i medesimi criteri di determinazione del tributo e delle tariffe relativi alla gestione dei rifiuti urbani, al fine di non creare uno disequilibrio del piano tariffario ed un aumento del carico tributario per alcune categorie di contribuenti.

La Ta.Ri. è corrisposta in base a tariffa commisurata ad anno solare coincidente con una autonoma obbligazione tributaria.

L’art. art. 16 del Regolamento Ta.Ri. approvato con D.C.C. n. 28 del 29/07/2014 e s.m.i., in ultimo modificato con D.C.C. 55 del 20/12/2020 rubricato " AGEVOLAZIONI E RIDUZIONI AI FINI TARI " al comma 1 disciplina l’applicazione alla tariffa della TARI le seguenti riduzioni:

a) abitazioni con unico occupante, ovvero con due occupanti ultrasessantacinquenni: 15%

b) abitazioni di nuclei familiari in cui sia presente un minore invalido e/o un portatore di handicap al 100% ovvero con connotazione di gravità ai sensi dell’art. 3 comma 3 della Legge 104/1992: 50%

c) abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale od altro uso limitato e discontinuo e comunque non superiore a 183 giorni nel corso dello stesso anno solare, a condizione che non siano cedute in locazione o in comodato, anche temporaneamente, nel corso dell’anno solare oggetto dell’agevolazione: 10%

d) abitazioni condotte da dipendenti delle Forze Armate che prestano regolarmente servizio nel territorio del Comune di Acerra: 50%".

Ad adiuvandum l’art. 17 del predetto regolamento , al comma 3, dispone che " Ai sensi dell’art.12 del Regolamento sul compostaggio domestico del Comune di Acerra, approvato con deliberazione C.C. n.21 del 30/04/2014, la tariffa della TARI riferibile alle utenze domestiche/abitative è ridotta del 5% per gli iscritti all’albo dei composta tori".

Infine ai sensi del comma 2 dell’ART. 12 del summenzionato regolamento rubricato ULTERIORI IPOTESI DI INTASSABILITÀ E DI DETASSAZIONE " Le utenze non domestiche che avviano al riciclo direttamente o tramite soggetti autorizzati rifiuti speciali assimilati agli urbani hanno diritto ad una riduzione della TARI proporzionale alla quantità degli stessi, nel limite massimo del 10% della tariffa base, su apposita istanza documentata da presentare entro il 30 giugno e con decorrenza dall’anno di presentazione" ; il comma 3 del medesimo articolo disciplina che " Per le attività economiche ove risulti difficile determinare la superficie in cui si producono rifiuti speciali, tossici o nocivi, in quanto non circoscrivibili, si applica la tariffa unitaria di riferimento ridotta del 25%, a richiesta del soggetto passivo dell’obbligazione, ed a condizione che l’istanza sia corredata da documentazione idonea a comprovare l’osservanza della normativa sullo smaltimento dei rifiuti speciali, tossici o nocivi, e presentata nel mese di dicembre di ciascun anno a valere sull’obbligazione riferita alla annualità successiva .".

Fino all’anno di imposta 2019 lo scrivente Comune non ha proceduto ad implementare meccanismi di conguaglio dei costi; a partire dall’anno di imposta 2020 – secondo quanto disposto dall’ultima parte del comma 5 dell’art. 107 del decreto legge n. 18/2020 – l'eventuale conguaglio tra i costi risultanti dal PEF 2020 ed i costi determinati sarà ripartito in tre anni, a decorrere dal 2021, in quote costanti.


Atti di approvazione della tariffa per l’anno in corso.

Il Comune di Acerra si è avvalso della facoltà concessa dall’art. 107, comma 5, del decreto legge n° 18/2020, convertito con modificazioni nella legge n° 27/2020, confermando espressamente per il 2020, mediante delibera di Consiglio Comunale n° 23 del 08.07.2020, le tariffe Ta.Ri. applicate per l’anno 2019.


Regolamento TARI.

L’applicazione della Ta.Ri. è disciplinata dal Regolamento approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 28 del 29/07/2014 e s.m.i., in ultimo modificato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 55 del 20/12/2020, al fine di adeguarlo all’orientamento emerso, giurisprudenziale e di prassi, circa la natura tributaria dell’entrata, che si allega alla presente.


Modalità di pagamento ammesse

In deroga all’articolo 52 del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, l’importo della tassa di cui all’allegato riepilogo contabile del modello di pagamento è versata utilizzando gli allegati modelli F24 già predisposti, e con essi non si pagano le commissioni bancarie o postali (costi nascosti per l’utente finale).


Scadenze per il pagamento della tariffa.

Il versamento della tassa dovuta al Comune per l’anno in corso è effettuato, previo invito al contribuente per mezzo di avviso di pagamento notificato ope legis scadenti rispettivamente la prima entro 30 giorni dal ricevimento/notifica dell’avviso, e le successive con cadenza bimestrale, con possibilità di versare l’importo complessivamente dovuto in un’unica soluzione entro la scadenza della prima rata.


Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento.

A mezzo degli avvisi di pagamento de quibus si avvertono i contribuenti che " gli importi eventualmente non pagati alle prescritte scadenze saranno riscossi a mezzo intimazione di pagamento con versamenti da effettuarsi entro 30 e 60 giorni dalla notifica della stessa ".


Procedura per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa.

Il Comune svolge in autonomia l’attività di gestione dei rapporti con gli utenti. A mezzo degli avvisi di pagamento de quibus si avvertono i contribuenti che in caso di variazione o cessazione non comunicata gli stessi sono invitati a presentare regolare denuncia utilizzando i modelli da ritirare presso l’Ufficio Tributi; ad adiuvandum eventuali ulteriori spiegazioni e/o rettifiche in ordine ai predetti avvisi possono essere richieste direttamente presso gli sportelli dell’Ufficio Tributi sito in Piazza Castello, 1 (Castello dei Conti di Acerra), nelle giornate di martedì e venerdì dalle 9:00 alle 13:00 e mercoledì dalle 14:30 alle 17:30, nonché contattando i seguenti recapiti telefonici: 081/5219131 - 081/5219133 - 081/5219135 - 081/5219155, ovvero, in alternativa è possibile inoltrare le suddette richieste a mezzo mail all’indirizzo tributi@comune.acerra.na.it o via PEC a tributi@pec.comuneacerra.it, corredando le richieste de quibus da proprio documento di riconoscimento.


Modalità di trasmissione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione

A mezzo degli avvisi di pagamento de quibus si avvertono i contribuenti che in alternativa al documento è fornito in formato cartaceo è possibile attivare la ricezione in formato elettronico inviando una mail all’indirizzo mail tributi@comune.acerra.na.it o via PEC a tributi@pec.comuneacerra.it. Nella richiesta di ricezione del documento in formato elettronico occorrerà allegare un documento di identità valido e dovrà essere indicato l’indirizzo mail ovvero l’indirizzo PEC cui inoltrare l’atto. La opzione della ricezione del documento in formato elettronico in luogo di quello cartaceo si estende alle comunicazioni previste dall’art. 9 della Deliberazione ARERA n. 444/2019/R/RIF del 31 ottobre 2019.

Modulistica